giovedì 9 ottobre 2014

GWTcon - Firenze 5 Novembre 2014


Il prossimo 5 Novembre,  a Firenze, nella splendida cornice de “Le Murate” (www.lemurate.comune.fi.it) si terrà la GWTcon (www.gwtcon.org), la prima conferenza italiana completamente dedicata al mondo GWT ed organizzata dalla comunità di sviluppatori.

Una giornata dedicata al mondo GWT.

Un evento pensato per dare la possibilità agli sviluppatori GWT di avere una panoramica generale sulle tecniche di sviluppo con il toolkit ed alle aziende un momento di confronto con  le ultime novità sul progetto.

Speaker d'eccezione, news, use cases e tech tips ti aspettano, tanto per iniziare:

  • Daniel Kurka (Google Engineer, GWT Steering committee member e principale autore di mGWT) terra’ la keynote parlando di “the new things in GWT” e terra’ un tech talks su “how to use Polymer with GWT”;
  • Vaadin ha offerto a tutti i partecipanti uno sconto del 40% sul biglietto di ingresso all GWT.create/Munich  ed il 5/11 saranno assegnati anche 2 biglietti gratuiti.

La lista degli speaker confermati comprende Daniel Kurka, Francesco Radaelli , Luca Masini, Michele Ficarra, Alberto Mancini, Francesca Tosi e molti si aggiungeranno nei prossimi giorni.
Gli argomenti trattati andranno da mGWT, GWT 3.0, Polymer with GWT, GWT & WebSockets, GWT & AngularJS, mGWT on FirefoxOS, oltre ad esempi di utilizzo di GWT in the real world.
Ti aspettiamo alla GWTcon, 5 Novembre 2014 - Le Murate -  Firenze.

lunedì 4 novembre 2013

Continua il tour, codemotion arriva a Milano!

Dopo Berlino e Madrid, Codemotion torna in Italia con la sua prima edizione milanese. Programmatori di tutti i linguaggi e le tecnologie si daranno appuntamento il 29 e 30 novembre a Milano per partecipare ai workshop, ai talk e ai laboratori che animeranno le due giornate. Codice, innovazione, approfondimento, ma soprattutto entusiasmo saranno i veri protagonisti. In puro stile Codemotion.  Sito: http://milano.codemotionworld.com/
AngularJS, BigData, Mobile, HTML 5, novità sullo sviluppo software…il programma del Codemotion è in  aggiornamento, ma è già chiaro che i temi e le novità più importanti della scena tecnologica saranno in primo piano.
La nuova rivoluzione industriale non poteva mancare al Codemotion, dopo anche il successo della Maker Faire Rome. Infatti i laboratori e workshop su Internet delle cose, tecnologia da indossare, Arduino, Open Picus e Raspberry Pi, costituiranno uno dei nuclei tematici più importanti. Codemotion è, per sua natura, aperto a tutti. Con il laboratorio Coderdojo anche i bambini potranno infatti muovere i primi passi nella tecnologia.
L’iniziativa Dev4Startup, in collaborazione con Startupbussiness e Talent Garden, mira a realizzare e favorire l’incontro tra gli sviluppatori e le startup, creando sinergie favorevoli per l’innovazione.
La presenza di ospiti stranieri di società rinomate, come Facebook e SoundCloud, Google, Vaadin conferma la vocazione internazionale di Codemotion, che si attesta ormai come evento fondamentale del panorama tecnologico europeo.
Le aziende sponsor già confermate sono: Microsoft, Google, Blackberry, Intel e Mikamai.
L’evento è supportato e promosso dalle community di sviluppatori software più attive dedicate ai linguaggi di programmazione, allo sviluppo software e al mondo Maker come: Java, PHP, Ruby, Dot Net, sviluppo Mobile, Raspberry Pi, Arduino.
Continua la collaborazione di Codemotion all’interno delle università. Dopo Roma TRE, anche il Dipartimento di Informatica dell’Università degli Studi di Milano ospiterà l’evento. La scelta della location mira ad aumentare il coinvolgimento degli studenti, che costituiscono la nuova linfa del mondo della programmazione di oggi e di domani.
Partner essenziali del Codemotion Milano sono: Startupbusiness e Talent Garden per la realizzazione di Dev4startup, Girl Geek Dinner Milano per il fondamentale supporto media, Coderdojo Milano per organizzare il laboratorio per giovani programmatori all’interno del Codemotion e Appsterdam per la creazione del code contest per gli sviluppatori.
Ma Codemotion non si limita a questo. Codemotion è un occasione. Infatti i partecipanti potranno consegnare alle aziende Sponsor il proprio curriculum vitae per avere nuove opportunità professionali.
Per partecipare è necessaria la prenotazione, effettuabile sul sito di Codemotion Milano: http://milano.codemotionworld.com/

lunedì 1 ottobre 2012

Aperte le iscrizioni per il Codemotion Venezia

Ciao a tutti,

sabato 17 novembre ci sarà un’edizione di Codemotion nel Veneto.
L’evento sarà ospitato nella splendida tenuta di H-Farm, il famoso incubatore di startup vicino Venezia.

La call for paper per diventare speaker è aperta, inviate le vostre proposte di talk entro il 9 ottobre qui:
http://venezia.codemotion.it/callforpaper/index.html

Registratevi all’evento! La partecipazione è gratuita ma i posti sono limitati: 
http://venezia.codemotion.it/iscriviti/index.html

Per agevolate l’arrivo in H-Farm abbiamo organizzato dei pullman.
Partecipare al Codemotion sarà così più facile, divertente e lowcost.

C’è anche un Pullman da Torino:
http://venezia.codemotion.it/pullman/index.html

In più sono stati organizzati due Workshop:
TV (http://venezia.codemotion.it/mobile-game/index.html)

E’ in cantiere anche un Hackathon a tema sociale…ci stiamo lavorando
:-) 
Stay tuned

mercoledì 26 settembre 2012

Codemotion a Venezia - 17 Ottobre

Codemotion replica quest’anno con un edizione junior il 17 novembre:
http://venezia.codemotion.it  e il Firenze GDG sarà presente
all’evento

La call for paper è già aperta, http://codemotion.it/callforpaper/, e
scade il 9 ottobre.
Sono molto gradite le proposte di intervento relative alle vostre
esperienze quotidiane e lavorative riguardanti le nuove tecnologie e
linguaggi in ambito Web e non solo, le vostre sperimentazioni e i
vostri punti di vista.
Gli argomenti spaziano da Nosql, HTML5, Javascript, Mobile, Gaming,
Cloud, Linguaggi, Machine meets software, News/approcci visionari

Codemotion Venezia sarà ospitato da H-Farm.

Le iscrizioni apriranno a breve, rimanete sintonizzati!

venerdì 11 maggio 2012

GWT? solo un problema HR.


Il 16 Maggio del 2006 Google annuncia alla conferenza JavaOne GWT (Google Web Toolkit) in versione 1.0 da quel giorno aggiornamenti importanti e continui hanno contraddistinto la vivacità del prodotto :

  • 1.0 Maggio, 2006
  • 1.1 Agosto, 2006
  • 1.2 Novembre, 2006
  • 1.3-4 Febbraio, 2007
  • Gennaio 2008 Google acquista INNUVO con i fondatori di GWT
    (
    Bruce Johnson and Joel Webber)
  • 1.5 Agosto, 2008
  • 1.6 Aprile, 2009
  • 1.7 Luglio, 2009
  • 2.0 Dicembre, 2009
  • 2.0.1-3 Febbraio, 2010
  • 2.0.4 Luglio, 2010
  • Agosto 2010, Google acquista Instantiations per integrare GWT Designer.
  • 2.1.0 Ottobre, 2010
  • 2.1.1 Dicembre, 2010
  • 2.2.0 Febbraio, 2011
  • 2.3.0 Maggio, 2011
  • 2.4.0 Settembre, 2011 (Latest)
(fonte wikipedia)

Da Settembre sino ad oggi (Maggio 2012) calma piatta : nessuna release/modifica viene annunciata, nessuna comunicazione ufficiale in merito a nuove road-map di prodotto vengono pubblicate, ma visto che le abitudini erano diverse, nasce spontanea la domanda: what’s happened?

Come segugi, risaliamo temporalmente gli eventi
alla ricerca di informazioni in merito e, con l’aiuto di un motore di ricerca, troviamo interessanti informazioni non ufficiali :
 
  • Ottobre 2011 Google lancia un nuovo linguaggio di programmazione Web-Oriented:Dart

Così finisce che l’insolita assenza di partecipazione del team di sviluppo nei newsgroup, inizia a generare preoccupazioni fra coloro che hanno scelto GWT come loro principale linguaggio di programmazione; fino a sfociare in thread che miscelano preoccupazione e presunte voci alzando il livello di tensione nella comunità.
Per il Web, il futuro di GWT sembra minacciato :
  • Atlanta importante sede dello sviluppo viene chiusa (i fondatori di GWT oltre ad essere di Atlanta sono stati coloro che hanno contribuito alla creazione e alla crescita della sede);
  • i fondatori del Toolkit avviano una nuova start-up ad Atlanta (Monetology);
  • ma soprattutto continua a mancare una road-map ufficiale.
  • Per questo successivamente abbiamo spostato la ricerca dalla semplice lettura delle notizie ad una più accurata analisi dei movimenti del team di sviluppo e per assurdo ci accorgiamo che messaggi distensivi erano nel frattempo emersi :
  • dal 1/9/2011 al 25/4/2012 ci sono state più di 350 commit sul progetto, effettuate da decine di diversi sviluppatori dipendenti Google;
  • l'evoluzione della documentazione ufficiale (non ancora pubblicata su gwt.google.com) riporta diverse nuove ed interessanti feature di GWT 2.5, oltre all'evoluzione delle API della 2.4 e
    ad un supporto semi ufficiale a Maven;

Infatti, poco dopo, iniziando ad uscire i primi messaggi distensivi semi-ufficiali dai newsgroup:

  • Ray Cromwell nei seguenti posts (post1 e post2) sente la necessità di tranquillizzare la costellazione di sviluppatori GWT pre-annunciando buone notizie in arrivo;
  • il 30 Aprile un impiegato Google decide di rispondere con due messaggi di forte impatto rassicurativo;
  • e per finire da Google+ ci siamo accorti come Monetoloty continui a lavorare con GWT

E quindi non possiamo fare altro che felicemente constatare che alla fine sembra che il progetto sia seguito e bene dall’azienda.

Ma allora cosa è successo?

Anche se per avere notizie certe dovremmo probabilmente attendere il Google I/O 2012 (speriamo!!), quel che sembra più probabile è che l’uscita di Dart ed alcuni cambi di direzione dell’azienda abbiano innescato una riorganizzazione del team di sviluppo, in parte voluta ed in parte subita da Google.

Ipoteticamente, è possibile pensare che l’azienda abbia cercato di disporre delle competenze del personale, senza valutarne l’impatto emotivo, con l’effetto di lacerare il team precedente per poi obbligarsi a ricostruirne uno nuovo. Inoltre, nel mentre il team cerca di ricomporsi, non si trova il tempo di perseguire le relazioni pubbliche ed, anche se di codice ne viene scritto tanto, non riescono a darne la giusta percezione.

Da newbies dei rapporti pubblici ottengono alla fine un voto di sufficienza strappata. Rimanendo fiduciosi nella prossima release, aspettiamo per giudicarne il potenziale più importante : quello sul piano delle idee e dei progetti sfornati.

Vale il detto ..
lasciando la strada vecchia per quella nuova sai quel che lasci ma non sai quel che trovi!

n.b: al riguardo segnaliamo un bell’articolo di Kelly Norton (Monetology) relativo a questa fase di passaggio di Google e non solo http://kellegous.com/j/2012/05/04/inspiration

Luca Tozzi, Stefano Ciccarelli e Luca Masini